Rassegna Di Giurisprudenza

Ultimo aggiornamento .

RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA  N. 1/2018

Selezione mirata di recenti interventi normativi e giurisprudenziali a cura della Commissione Scientifica della Sezione di Avellino del Movimento Forense: Avv. Italo Meoli; Avv. Elena Ferrara; Avv. Carmela Festa; Avv. Annalisa Gallo; Avv. Maria Vaccarello;

CIVILE

Nelle ristrutturazioni credito più garantito per i professionisti. Accordo di ristrutturazione come il concordato preventivo. Almeno quanto a garanzie del credito del professionista che vi ha collaborato (Corte di Cassazione – Sentenza 1896 del 25 gennaio2018);

Danno da ritardo dell’aereo, il passeggero deve solo mostrare il biglietto. L'aereo arriva in ritardo a destinazione? Al passeggero per ottenere il riconoscimento del danno basta mostrare il biglietto senza dover fornire ulteriori spiegazioni. Queste ultime ricadono, infatti, esclusivamente sul vettore (Corte di Cassazione - Sezione III civile - Ordinanza 23 gennaio 2018 n. 1584);

Contratti, basta la firma del cliente. Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, a distanza di pochissimi giorni, con due sentenze dalle motivazioni identiche (898/2018 - e n.1653/2018), risolvono a favore delle banche la questione della corretta interpretazione sulla nullità dei contratti bancari sottoscritti solo dai clienti, facendoli sostanzialmente salvi (Corte di Cassazione, Sezioni Unite Civili, sentenza 23 gennaio 2018, n. 1653)

 PENALE

STALKING - La molestia reiterata nei confronti di un intero quartiere può essere qualificata come stalking solo se si individuano con esattezza tutte le persone oggetto di atti persecutori. La Cassazione ricorda la differenza tra molestie e stalking ricordando che quest'ultimo reato non è escluso in caso di coinvolgimento di più persone e rinvia alla corte d'appello per approfondimenti (Corte di Cassazione, Quinta Sezione Penale, sentenza n. 3271 del 24 gennaio 2018);

Maltrattamento degli animali a carico di chi impone al proprio cane la museruola “antiabbaio” che dà una scossa elettrica quando il cane abbaia (Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, sentenza n. 3290 del 24 gennaio 2018);

Maltrattamenti in famiglia anche per i coniugi separati - Maltrattamenti in famiglia anche per il coniuge separato, prima di fatto e poi anche legalmente, che attraverso persecuzioni telefoniche, ingiurie, minacce e violenze private, ha reso «abitualmente dolorosa» la relazione con la moglie e i figli (Corte di Cassazione, Sesta Sezione Penale, sentenza n. 3356 del 24 gennaio 2018)

 AMMINISTRATIVO

Concorso pubblico: legittima l’esclusione se la domanda è inviata via PEC senza sottoscrizione? È illegittimo il bando di selezione che preclude l’ammissibilità delle domande di partecipazione a un concorso pubblico prive di firma (digitale o sulla copia scansionate dei documenti allegati), ancorché presentate da un candidato a mezzo PEC, con casella di posta intestata allo stesso mittente. L’utilizzo di una casella di posta elettronica certificata intestata allo stesso mittente consente di ritenere soddisfatto il requisito della apposizione della firma (Tar Sicilia, sez. I, sentenza 18 gennaio 2018, n. 167);

Iscrizione nell’elenco speciale degli avvocati: di chi la competenza per i ricorsi? La competenza a conoscere dei ricorsi avverso il rigetto della domanda di iscrizione nell’elenco speciale degli avvocati, disposto dal Consiglio dell’ordine degli avvocati, spetta al Consiglio nazionale forense che, in tali fattispecie, agisce come giudice speciale (Consiglio di Stato, sez. III, sentenza 19 gennaio 2018, n. 348);

Inquinamento, l’obbligo di bonifica dei siti inquinati su chi incombe? Una volta riscontrato un fenomeno di potenziale contaminazione di un sito, ai sensi degli art. 242, comma 1, e 244, comma 2, d.lg. n. 152 del 2006, gli interventi di caratterizzazione, messa in sicurezza d'emergenza o definitiva, di bonifica e di ripristino ambientale possono essere imposti dalla Pa solo ai soggetti responsabili dell'inquinamento, quindi ai soggetti che abbiano in tutto o in parte generato la contaminazione con un comportamento commissivo od omissivo, legato all'inquinamento da un preciso nesso di causalità (Tar Lombardia, sez. IV, sentenza 18 gennaio 2018, n. 144)

LAVORO

Fca, sì licenziamento per riposo compensativo illegittimo. Legittimo il licenziamento comminato dall'azienda a un suo dipendente per aver presentato un certificato che attestava falsamente lo svolgimento di attività elettorali lucrando il diritto a un giorno di riposo compensativo, poi effettivamente fruito (Corte di Cassazione - sezione Lavoro - sentenza n. 1631 del 23 gennaio 2018);

La mancata concessione dell'aspettativa che avrebbe evitato di superare il comporto non salva il lavoratore dal licenziamento (Corte di Cassazione - sezione Lavoro - sentenza n. 1760 del 24 gennaio 2018);

Respinto il ricorso della lavoratrice che accusava di mobbing il capo, nonché ex fidanzato, per aver subito vessazioni in ufficio dopo la fine della loro relazione. Mancano le presunzioni gravi (Corte di Cassazione - sezione Lavoro -

sentenza n. 1381 del 19 gennaio 2018)


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine