Politica Forense

Ultimo aggiornamento .

Ariano Irpino, 05 dicembre 2014 Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ariano Irpino, ed il Movimento Forense Sezione di Avellino, ancora una volta, con l’organizzazione del seminario di studio che si terrà il 12.12.2014 alle ore 15, presso la Sala Convegni del Centro Pastorale S. Francesco di Ariano Irpino, vogliono porre la loro attenzione sul Processo civile telematico, fornendo agli “addetti ai lavori” una bussola per orientarsi tra nuovi concetti e strumenti che pervadono sempre più la nostra quotidianità, valorizzando gli evidenti vantaggi della informatizzazione della Giustizia in termini di risparmio di risorse economiche, umane, ambientali, di tempo e di spazio.

Ma come iscritti, e ancora facenti parte dell’ordine degli Avvocati di Ariano Irpino non possiamo sottacere che il “nostro” Tribunale, insieme a tanti altri, ha pagato duramente l’esigenza dello Stato di vedere ridotti i costi e modernizzare le strutture preposte alla gestione della giustizia, modernizzazione che ha posto parte delle sue fondamenta nel processo telematico.

Paradossalmente, quello di Ariano Irpino è un Tribunale che affonda le sue radici storiche nelle celebri Assise del 1140 pubblicate da Re Ruggero II che, nell’intento di dare “sistema alle cose del Regno”, scelse proprio Ariano per tenervi il 1° generale Parlamento.

Tale intervento può essere considerato come la prima forma di vera e propria modernizzazione nella evoluzione del processo giuridico che, nel 1860 si sviluppò con la determinazione del numero e delle circoscrizioni territoriali delle Autorità Giudiziarie delle Province napoletane e l’istituzione del Circondario di Ariano. Il 2 ottobre del 1862 Ariano ebbe il “suo” Tribunale e nel 1874 anche l’Albo degli avvocati e procuratori.

Per l’istituzione di questo Tribunale si sono prodigati illustri personaggi quali l’avv. Pasquale Stanislao Mancini, il quale augurò al neonato Tribunale la presenza nella sua sede di “grandi combattenti della parola e del diritto”, perche “Ariano non è un paese chiuso nella cerchia delle sue mura, ma lancia al mondo un nome che è orgoglio”.

Altri grandi esponenti dell’Avvocatura in seguito hanno lottato per la riapertura dello stesso quando, nel 1923, per un malinteso accentramento, fu soppresso con il trasferimento degli Uffici e del Personale presso il Tribunale di Benevento.

Tale evento rappresentò il primo vero atto interruttivo del citato processo evolutivo che, nel 2013 si è definitivamente concluso, con l’attuazione dell’intervento statale volto a “riorganizzare i Tribunali ordinari”.

Nonostante l’informatizzazione della Giustizia dovrebbe essere in grado di sopperire ai disagi e all’aggravio di spese a carico delle figure professionali che, a vario titolo, sono chiamate ogni giorno ad interagire con il sistema giustizia, a volte mal si concilia con le realtà dei Tribunali accorpanti, già patologicamente colpiti da una forma di entropizzazione che rende difficile il regolare sviluppo dell’attività giudiziaria.

Come Avvocati orgogliosamente appartenenti al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Ariano Irpino, e al Movimento Forense, auspichiamo di poter risentire il prima possibile quelle stesse parole che, il 21 gennaio 1934, annunciarono la “riapertura” del Tribunale di Ariano Irpino “la istituzione del Tribunale ha posto la nostra Città in una atmosfera di maggiore elevatezza morale, che impone anche maggiore fermezza di propositi per assolvere nuovi compiti”.

L’ultima speranza è affidata al lavoro che sta portando avanti la Commissione tecnica designata dalla Giunta Comunale di Ariano Irpino,  composta da 14 avvocati i quali hanno avuto il compito di inquadrare e valorizzare le problematiche che quotidianamente affrontano tutti i colleghi appartenenti all’Ordine Arianese e portarle all’attenzione delle massime Istituzioni.

Il Movimento Forense, continuerà a supportare ogni iniziativa che i colleghi vorranno attuare per rivalutare quella che è la nostra professione, troppe volte mortificata negli ultimi tempi.

Avv.ti Rosanna Pratola, Lidia Caso, Mario Iuorio


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine